Staff/ Gennaio 30, 2020/ Articoli/ 0 comments

Il 2020 è un anno molto importante per la band britannica dei Coldplay formatasi nel 1997. Infatti ricorre il 20esimo anniversario di quello che forse è uno degli album più belli della nostra generazione. Parachutes dei Coldplay compie 20 anni, già e non sono pochi, non sono pochi per niente.

Una sequenza di capolavori

Difficile, anzi impossibile, dire quale tra tutte sia la più bella di quell’album. Probabilmente è un bel testa a testa tra Trouble e Yellow, ma anche canzoni come Don’t Panic, Shiver e la stessa Parachutes hanno scritto pagine importanti nella storia della musica. Per questo abbiamo deciso di tirare a caso e tra tutte vi riproponiamo la prima dell’album, sperando che vi riporti qualche bel ricordo di quegli anni.

Coldplay – Don’t Panic

Una carriera di successi e umanità

Sold Out in tutti gli stadi del mondo, decine di dischi di platino, premi e riconoscimenti speciali rendono i Coldplay ad oggi una delle migliori band in attività, senza alcun ombra di dubbio.
Recentemente i fan hanno dovuto però ascoltare una triste notizia, che però fa molto onore alla band britannica: ossia che i Coldplay non faranno più concerti, almeno fino a che non saranno ecosostenibili.

«Ci stiamo prendendo del tempo per capire come il nostro tour possa essere effettivamente benefico. Tutti dobbiamo trovare il modo migliore di fare il nostro lavoro» 

Chris Martin


Coldplay

In un mondo dove tutti pensano a fare soldi, i Coldplay dimostrano un profondo lato umano nell’andare controcorrente e nel voler realizzare qualcosa che faccia bene non solo ai loro fan ma a tutto l’intero pianeta.
Non sappiamo quando saranno annunciati nuovi tour, ma sappiamo che dischi come Parachutes non li dimenticheremo mai.
Perciò con la notizia che Parachutes dei Coldplay compie 20 anni non ci resta che fare gli auguri alla band e fargli i nostri più sentiti ringraziamenti!

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*