Un fenomeno chiamato t.A.T.u

Share the love

Oggi parleremo di un fenomeno chiamato t.A.T.u, che ha rivoluzionato il concetto di musica adolescenziale nei primi anni 2000.
Lena Katina e Julija Volkova in arte le t.A.T.u raggiunsero l’apice del loro successo nel 2002 con il singolo All the things she said, finendo sulle copertine di tutti i giornali per via del loro bacio saffico comparso nel video.

(Photo by Scott Gries/Getty Images)

t.A.T.u che in russo significa “Questa e Quella” fu un progetto studiato a tavolino da Ivan Shapovalov, produttore e manager musicale che le scelse per cantare quel brano suggerendo l’idea di farle baciare nel video.
Quel gesto così provocatorio all’inizio degli anni 2000, in particolare tra due ragazze, diede voce a milioni di ragazze.
Il mondo omosessuale si strinse forte attorno alle due russe diventando loro fan e consegnando nelle loro mani un successo mondiale.
In Italia le t.A.T.u apparvero solo al Festivalbar, nonostante l’accordo chiuso anche con Sanremo 2003, saltato per timore di poter assistere ad un bacio lesbo in diretta Rai.
Le due ragazze successivamente dichiararono di non essere mai state bisessuali ed in particolare Julia fece scandalo dichiarando di aver abortito e di aver fatto uso di eroina in una rivista shock!

t.A.T.u

Per i fans scoprire così che tutto faceva parte di una trovata commerciale, non fu piacevole, ma l’amore per loro non si è mai spento.
Probabilmente perché Lena e Julia non sono mai state solo due ragazze brave a cantare.
Con la loro musica hanno stravolto il mondo lesbo facendolo accettare senza pregiudizi. Questo è un merito che nessuno potrà mai cancellare e per questo tutti ricordano il fenomeno chiamato t.A.T.u sempre con affetto.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow Me!